Antone Ciosi, l’intimu cumunu. Antoine Ciosi, chanteur

par Marianne Laliman

Fate puru a prova : à u caffè, à u travagliu, cù l’amichi o in famiglia, pocu impreme, dumandate “ D’Antone Ciosi, chì ne pensate ? chì ne sapete ?”  Viderete… da 70 à 20 anni, ognunu hà qualcosa à dì à l’evucazione di stu nome.
À chì vi dice “Ghjè tutta a mo giuventù !”  À chì vi dice “Mi face pensà à a mo zitellina, quandu babbu passava e so canzone !” Un antru vi spiegherà chì Ciosi hè un puntellu di u cantu in Corsica, è ci ne serà unu per parlavvi di l’Omu (iè, cù una O maiuscula) s’ellu hà a furtuna di cunnoscelu.
È s’è v’aspettate appinuccia, qualchissia s’hà da mette à cantà.
À dilla franca, ùn ci serà quasi nimu ch’ùn hà ogni tantu una canzona di Ciosi in capu, innò ?Ancu s’è vo ùn site di a leva di i so primi fans, nemmancu di a siconda, riflettiteci : Mamma, Nustalgia, I spartimenti… a so voce vene cum’è un ribombu in certi mumenti di a nostra vita.
Da quì à vedelu cum’è una sorte di riferenza patrimuniale cumuna ùn ci hè ch’un passu – è u franchemu ancu noi cun piacè per parlà di stu persunagiu for di norma chì hà principiatu di nuvembre u so “Ultimu Giru”.
Ci vole à dì chì parcorsi cum’è u soiu ùn ci n’hè tantu. Dopu à più di 50 anni di carriera è una sessantina di dischi, ùn ci hè mancu più bisognu di parlà di ricunniscenza di u so talentu.
U so repertoriu s’hè custituitu in cullaburazione cù i più grandi nomi di a canzona è di a scrittura. Di fatti a so discugraffia tocca parechje generazione di pueti –miraculi di pueti chì saria impussibule à mintuvalli tutti quì- da Peppu Flori, Pampasgiolu, Petru Santu Leca, Ghjacumusantu Versini… à i fratelli Vincenti, Dumenicu Marfisi, Tony Toga, Tintin Pasqualini, passendu pè l’autori di u riacquistu cum’è Ghjuvanteramu Rocchi, Ghjacumu Fusina o Ghjuvan Ghjaseppu Franchi, è ultimamente Ghjuvan Paulu Poletti, Patrizia Gattaceca, Dede Nobili o Olivier Ancey. Antone Ciosi ci hà offertu l’interpretazione d’opere sfarente ma sempre d’una ricchezza maiò.
È s’ellu ci hè un style Ciosi, l’artistu ùn si lascia mette ind’una categuria precisa, capace di cantà in corsu cum’è in francese, di passà d’un cantu tradiziunale à una creazione oghjinca, di a nustalgia à a risa o à a pulitica…
A diversità è a qualità di ciò ch’ellu hà sceltu di cantà li anu assicuratu un successu cuntinuu sin’à oghje.
Ma stu scontru trà una voce è u talentu di l’autori ùn basta pè capì tuttu di ciò chì face d’Antone Ciosi un persunagiu cusì riccu, capace di francà l’anni è e mode. Ci vole chì l’artistu sia un omu particulare per mantene à stu livellu a passione di u cantu è l’arte di cuntà, pè truvà a via versu un publicu sempre rinnuvellatu.
A so storia è a so sensibilità ne facenu un veru testimoniu di l’evoluzione di a Corsica è di e primure o i penseri di parechje generazione di Corsi.
Zitellu hà cunnisciutu una Corsica sfarente, chì era sempre quella di a terra, di i paesi, chì à le volte ùn era tantu luntanu di a miseria.
Natu in 1931, ingranda in una famiglia cumunista induve l’idee di resistenza sò assai prisente, in st’epica chì hè quella di u fronte pupulare, di a guerra di Spagna è di a guerra mundiale.
L’interessu di u babbu per i muvimenti antifascisti li permetterà di scopre scritti è canti ingagiati.
A zitellina hà da cunnosce troppu prestu u tempu di u dolu, cù u babbu chì more quand’ellu hà 9 anni, è chì lascia à a mamma scunsulata ma “arritta” pè fà fronte à a sorte è allivà i 7 figlioli.
Dopu ci seranu l’anni passati in Parigi. U primu cuncorsu di a canzona corsa à l’Olympia, induv’ellu vince u premiu cù Paese spentu. A vita luntanu di a Corsica, cum’è parechji Corsi chì stanu in altrò senza scurdassi di l’isula. Ciosi sprimerà a mancanza ch’elli ponu pate:
Et moi j’ai laissé mon coeur là-bas”(Je retournerai, 1966),
U mio paisolu caru per mè sì lu più beatu (…) per lu to vechju mulinu lu mio core sempre canta” (Nustalgia di u paese, 1972).

Ma à sta manera di campà chì smarisce, à i so usi è e so fiure,Ciosi l’hà da dà – ridendu o seriu – una vita nova in canzone : U tragulinu, L’arrutinu, U Mulinellu… sò tante evucazione chì ne mantenenu u ricordu.
Vede chì u cantu tradiziunale si puderia perde è face ricerche è arrigistramenti pè salvà stu patrimoniu in periculu di sparizione è sempre s’opponerà à u disprezzu chì pudia tuccà stu cantu.
Serà a ricchezza di sta vita è di u so sguardu chì li dà u fiatu per cantà sempre cù u tonu ghjustu e parolle chì ci toccanu?
Di sicuru. Ma ci serà ancu l’amore.
L’amore per i soi, per a natura è per a Corsica sana, un amore chì mai stancia, mai spatanscia, nè cù u tempu nè cù i frastorni. Amore ind’ u ricordu di a mamma, d’un mulinu, di u tragulinu o ancu di Bastia cum’ella era quand’ellu ci studiava.
È sempre amore in u prisente, per i lochi è sopra à tuttu per una ciuccia chjamata Luisa…
Balagna tisoru, Sponde di dulcezza, Sempre m’innamoru, Di a to billezza
(Balagna regina)

Quellu chì dice truvà a so ispirazione in ogni locu di Corsica crede chì u più impurtante ghjè a Puesia, “prima fatta di parolle simplice è belle”. Deve esse què u sicretu, a minichetta chì permette di mantene a so brama di cantà, di stabilisce a cumunicazione cun quellu chì sente è di trasmetteli l’emuzione, sempre, ancu cuntenduli tempi o evenimenti ch’ellu ùn hà cunnisciutu. Quale hè ch’ùn hà pientu cù a vechja Maria? “U ritrattu nant’à a muraglia hè una vera calamità, stringhje u core cum’è a tanaglia di quella ch’ùn si pò scurdà…” Ùn ci hè bisognu d’esse natu versu 1900 pè capilla…
Vechja o nova canzona, ritruvemu tutti appena di stu Noi individuale o cullettivu : Ciosi ci conta un intimu cumunu.
Ma u cantadore s’hè fattu ancu scrittore, cù listessa ambizione: trasmette emuzione è ricordi. Hè l’autore di dui libri cunsacrati à a canzona : Notes et chansons (1978) è Chants d’une terre (2002).
Cù raconti autobiugraffichi, scrive u so passatu è quellu di a Corsica.
In Une odeur de figuier sauvage (1999), conta a so vita da a zitellina in paese à u serviziu militare. Trà evenimenti storichi, stalvatoghji è riflessione persunale, ci dà un pezzu di memoria di l’isula è un’evucazione di a custruzzione di a so persunalità.

U so ultimu libru, A Stella di Musè Namani (2017), hè un racontu bislingu nant’à a vita di Vittoriu Namani, ghjuntu d’Haïfa in l’anni 20 è d’unu di i so figlioli, Moïse chì girerà u mondu per u cummerciu.
Ancu quand’ellu scrive, Ciosi hà parechje barrette…

Avà chì ellu stessu ci dice chì s’hà da compie l’opera, chì i cuncerti chì venenu seranu l’ultimi, ferma difficiule di fà qualcosa chì s’assumigli à una cunclusione, al di là di u custatu di a so piazza inde a canzona è a cultura corsa, custatu stabilitu chì face un pezzu.
Ghjè a fine di una carriera, quessa sì. Ma di sicuru micca a fine di a storia trà ellu è noi. Basta à vede l’età di l’artisti chì l’accumpagnanu per essene cunvintu.

Avete rimarcatu? Si parla d’Antone Ciosi cum’è s’è l’omu fussi un libru…
Cun parechji capituli, chì ci facenu entre in parechji universi. Un libru ch’è no pudemu sempre ripiglià per cumplettanne a lettura, truvacci ogni volta un sensu in più.

 

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *