Rimette i so passi in quelli di l’antenatu di e Lettere Corse, Petru Cirneu, eccu a sfida lanciata da Ghjacumu Fusina, u so paesanu à più di cinque seculi di distanza.

Da : Marianne Laliman

L’ultimu libru di Ghjacumu Fusina hè cunsacratu à Petru Cirneu, u prete è crunista di u 15u seculu, autore di De Rebus Corsicis, opera scritta in latinu è publicata pè a prima volta in 1738, chì conta a storia di a Corsica sin’à 1506. U so nome è u so travagliu sò cunnisciuti ma forse micca ricunnisciuti abbastanza, al di là di un chjerchju di spezialisti. Ghjacumu Fusina ne hà fattu u so sugettu, ci prupone a so lettura è ci vole parlà di « u so » Petru Cirneu, facci scopre l’omu d’una manera più precisa, guasi più intima, dacci u so parè nant’à a so opera.

Tandu hà decisu di dalli a parolla è ancu di parlalli.

           

« O Pè, postu ch’è ùn ti cunnisciamu ancu benissimu, emu pensatu ch’ella era megliu à datti a parolla subitu d’entrata ».

U mo Petru Cirneu dà dunque una voce attuale à u persunagiu storicu, ch’ellu ci cuntessi ellu a so vita, a so zitellina cusì difficiule, i so viaghji è sughjorni in Italia cù i scontri furmatori è i studii ch’ellu ci hà fattu, i so ritorni in Corsica, e nimicizie è e trappule chì l’aspettavanu à ogni tappa di u so parcorsu, ma ancu e so mutivazioni, a so manera di pensà è di cuncipisce u so rollu, a so primura d’aiutà i soi. Petru Cirneu ellu stessu avia datu u più di l’elementi di a so prisentazione è di a so biugrafia in u so libru IV, ma seranu quì arricchiti cù cummenti è spiegazioni.

« Per contu meo, mi vulia permette di ditti di tù, cum’ellu si faria à un vicinu, à un amicu, à un grande anzianu scrittore di a nostra Storia ».

Trà eruditi è trà i seculi

Sottulinie

In a segonda parte di u libru, ghjè Ghjacumu Fusina chì s’indirizza à ellu, cumpunendu cusì una forma particulare di dialogu trà eruditi è trà i seculi.

In sta parte hè sviluppatu u ritrattu di u crunista iniziatu prima, Ghjacumu Fusina ndu u so caratteru è e so qualità murali.

« Si rende omu contu, ancu per ùn esse spezialistu, chì sì a cronaca ùn hè mai stata vista cù simpatia da a storia sapiente, certi storichi oghje li ricunnoscenu quantunque un interessu maiò per quellu chì si vole sente in cuntattu direttu cù u cutidianu vissutu in l’aspetti più cuncreti è triviali ».

À lire aussi : Jacques Fusina et le petit soldat

Ramenta u travagliu fattu da u crunista, l’epiche, i mumenti è l’evenimenti mintuvati in De Rebus Corsicis, prupone un analisi di stu travagliu, cummenta a manera di trattà a storia, ciò chì hè statu cunfirmatu è ciò chì hè rimessu in causa. Un sguardu lucidu nant’à l’imprecisioni o i sbagli di certi punti storichi ùn caccia nunda à l’interessu di ste cronache, a ci dice Ghjacumu Fusina, incalchendu per indettu nant’à a qualità di a discrizzione ch’ellu ci trasmette Cirneu di a sucetà corsa è di a vita di a ghjente à l’epica soia.

« a to scrittura particulare, u to stile, a to manera, alluntanendusi assai da a solita prosa di i crunisti di l’epiche vicine, sò quelli di un veru scrittore mudernu ».

E qualità literarie di quellu di u Medievu

Altru puntu maiò di l’opera di Petru Cirneu secondu Ghjacumu Fusina, a so scrittura. L’autore di u  2021 loda e qualità literarie di quellu di u Medievu, u so talentu pè aduprà una scrittura adatta à ciò ch’ellu conta, chì pò rende l’intensità, l’emuzioni, o fà nasce l’attesa.

Pè u lettore, U Mo Petru Cirneu hè l’occasione di scopre -o riscopre- l’autore, a storia di a Corsica, a vita di e pupulazioni. Ma hè ancu invitatu à riflette nant’à ciò chì face a qualità è l’interessu, ancu oghje, di l’opera di st’autore è di u genaru di a cronaca.

Vous pouvez également aimer :

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *