Pesciu Anguilla hè u primu rumanzu chì pò esse dettu in lingua corsa. À a fine di u XIXmu è u principiu di u XXmu seculu, a storia di stu giuvanottu bastiacciu ingaghjatu è sfuggente riflette a situazione di a ghjente cumuna in i quartieri travagliadori. Stu libru sparitu da e librerie hè appena statu rieditu da l’edizioni Albiana.

Par : Marianne Lalliman

Pesciu Anguilla, u primu rumanzu in lingua corsa, scrittu da Sebastianu Nicolai dettu Sebastianu Dalzetu, era statu publicatu pè a prima volta in 1930. Cù sta riedizione -iniziativa di a municipalità di Bastia- u lettore u pò rileghje (o scopre) cù un ortografia mudernizata, fruttu di u travagliu di quattru sperti sullicitati pè stu prugettu.

Avemu dumandatu à Ghjacumu Thiers è à Georges de Zerbi chì facianu parte di stu cunsigliu di i savii di parlacci di st’edizione nova è di rivene nant’à u rumanzu, famosu perchè precursore ma ancu perch’ellu rispechja a sucietà di Bastia in l’anni 1880, u so picculu populu è a so lingua mischjata d’influenze diverse.

Eccu quì a prima parte di e so risposte.

Ghjacumu Thiers, eternu innamuratu di Bastia è di a literatura, hà scrittu una prisentazione ricca d’insegnamenti nant’à ciò ch’ellu palesa Pesciu Anguilla di l’edifiziu suciale, di l’idee di l’autore è nant’à a qualità literaria di stu primu passu di u corsu in u genaru di u rumanzu.

-Cume ci pudete riassume l’interessu di sta nova edizione di Pesciu Anguilla è cume hè natu stu prugettu precisu?

Per contu meiu, unu trà i paradossi di u nostru discorsu identitariu hè ch’è no dimu di avè a brama di a cultura nustrale ma chì ùn ci mettimu tantu à dà ci i mezi di pudè la cunnosce, sparghje è usà in modu faciule cun robba ammanita. È tandu, u libru scrittu in corsu hè cunnisciutu pocu è micca. Eo, Pesciu Anguilla hè statu u primu libru corsu ch’o abbia avutu in manu per casu è quandu avia 25 anni è più! U studiu di Dalzeto hè statu un avvenimentu fundamentale pè a mo identità persunale. Mi ci sò campu è issa scuperta mi hà portu in una direzzione nova è fruttifera assai… Tandu, quandu a squatra bastiaccia incaricata di a spressione in lingua corsa è Albiana mi anu prupostu di participà à issa edizione nova, si capisce ch’ùn avessi tricatu mancu à pena à accettà, cuntentissimu è unuratu assai ! Aghju pruvatu à dì in u prefaziu quant’ella hè ricca issa storia per Bastia è pè a Corsica sana. D’altronde issa nova edizione casca benissimu in a pruspettiva di a candidatura corsa pè a Capitale europea di a cultura…

-Mettite in risaltu a doppia dimensione di u rumanzu, cù un veru aspettu ducumentariu è un valore literariu. Pepè hè prisentatu cumè un persunagiu “più veru chè reale”. Cume vidite a piazza di l’invenzione, di a fizzione in l’opera?

Si dice spessu chì iss’opera hè un “rumanzu suciale” è quessa porta à allucà lu in a cullezzione di i rumanzi suciali nati è sviluppati da u XIXu seculu. A primura di u bè suciale hè propiu in a vita, u pensà è u prugettu di Dalzeto, ma ci vole à tene contu chì u so persunagiu principale hè cumplessu assai. Or si sà chì l’autore, à vulè o ùn vulè, mette una cria di sè, di a so sperienza è di a so visione di a vita è di l’altri à pena di quì, à pena di culà è spessu senza accorghje si ne. È accade accade ancu spessu ch’ellu appii bisognu di un narratore ch’ellu inserisce quì è culà… Per Pesciu Anguilla, a cunclusione di u rumanzu cun l’umanisimu cristianu chì vene à piglià si à Pepè sanu sanu davanti à a scunfitta di U Turcò, cumanda di vultà in tutte e fase anteriore, quelle chì permettenu à Pepè di insignurì si.. Ci si sente quant’ella hè è sarà difficilissima per issu disgraziatu diventatu sgiò. Impussibule dinù non solu di fà si l’accessu à a signuria, ma dopu tuccata la, l’attitudine d’accunsente ci girendu u spinu à i duveri di l’omu davanti a disgrazia, a miseria è a morte. Per contu meiu, l’ambivalenza, u cunflittu internu di issu lustrascarpi diventatu munsignore hè propiu fizzione rumanzesca.

Mezu vuluntare è mezu spuntaneu

-Serà sta cumbinazione fina trà “imaginariu” è “ricordu” una di e chjave di u successu di stu rumanzu?

Successu per via di u scontru trà “imaginariu” è “ricordu”? S’ellu si vole tene isse duie nuzione inseme, diceraghju ch’elle ghjovanu assai à capisce a mudernità di l’opera di Dalzeto in corsu. Rumpiture in e so intrighe narrative, sviluppi descrittivi di i persunagi, ritratti, scenette, inserimenti di generi altri (canti, pruverbii, spressione, detti, cambiamenti subitanii di decori o d’idee) ùn ci mancanu in Pesciu Anguilla. In isse mutazione, hè capita ch’ellu ci si pò stalvà scambiamenti di pruspettive, di tempi è di… sugettu. U versu stilisticu tandu torna una priurità ed hè cusì ch’ellu và sinu à incapucinà l’idea chì purtava u prugettu iniziale. Hè custì ch’ella s’accerta è si sprime propiu a creazione chì porta u rumanzeru in modu mezu vuluntare è mezu spuntaneu a scrive u so libru sequitendu u so pianu ma ancu pigliendu l’avvinte impignate li à u ritimu di l’estru scitturale. A chjusura d’issu rumanzu stupisce ma simu pronti à pensà ch’ella hè ghjusta è vera per via chi u mudernisimu mette in cunfrontu prugressi è rinculi, in i varii aspetti di una vita plurale è … pulifonica. Tandu si tratta di capisce la è accettà di scumbatte in a cumplessità sana sana è permanente in ogni locu è cuntestu.

A sensibilità ch’ellu hà fattu vede sempre Dalzeto soca ci insegna quant’ellu sentia isse cose in ellu è in giru à sè. Puru senza mette ci mancu à pena intelettualisimu nè scentisimu, à ciò chì pare… Ma cun bisognu di sprime lu in modu imaginariu è in a spressione culturale più diviziosa à contu soiu. Ancu di grazia! Hè custindi, à parè meiu, ch’ellu ci vole à situà u raportu cumplessu di Dalzeto trà “imaginariu” è “ricordu” chì move in l’ambiente mentale è literariu di u so rumanzu è ci mette anima. A pluralità di l’omu d’oghje, cumplessu è cambiarinu assai, rapresentata in a creazione literaria, soca hè un aiutu impurtante à e nostre sucetà è quelli chì ci campanu.

U suchju di Dalzeto

Pè sviluppà unipochi d’aspetti linguistichi, storichi è patrimuniali, e nostre dumande à Georges de Zerbi, altru passiunatu di a cità chì ne cunnosce i lochi, a storia è u parlatu.

-Sta nova edizione di Pesciu Anguilla hè publicata cù un’ ortografia mudernizata. Ci pudete dì perchè sta “revisione” era necesaria?

L’ortograffìa, si sà, hè un còdice ma micca chì si sente solu cum’è a lingua, hè un còdice chì si leghje è chì dumanda una certa amparera è una certa pràtica. Hà e so règule più o menu stabilite è quella corsa hà una lògica tutta soia cullaudata da anni è anni d’usi è d’adopri. Avemu dunque pensatu – quelli chì simu stati incaricati di rileghje l’òpara di Dalzeto – chì ùn si pudìa lascià l’ortofraffìa di Pesciu Anguilla in quellu statu. Prima chì era stata risarcita è omogeneizata da Geronimi è Marchetti «Intricciate è cambiarine». Quandu un’idea, una teurìa pare bona, hè un errore ùn adupralla micca. Allora vulerìa dì chì hè statu un travagliu indernu, da stuzzicà e menti, da diverte l’intellettuali.

A segonda ragiò hè chì, oghje, a maior parte di i lettori di corsu anu cunniscenza di u sistema ortogràfficu di Geronimi è Marchetti, dettu di Scola Corsa, è dunque, senza ch’elli àppiinu a maestrìa di a nostra lingua è ancu menu quella di u talianu, ch’elli avìanu i leterati di una volta, sarèbbinu stati destabilizati da l’ortograffìa dalzettiana. Pigliemu qualchì esempiu : A’ pàgina 48 di l’edizione esciutata à tempu à u dramma teatrale si leghje : à una parolla di differenza vecchju è becchje, bede per vede, imbilia per inviglia o invidia…

P. 49 : baitine per vàitine, sigarete per sigarette, cattiva per gattiva…

Per quelli chì anu cunnisciutu l’ortograffìa pregeronimiana è chì anu studiatu talianu a prova hè menu insurpassèvule ma per l’altri ci sarebbe più intoppi chè lisciature.

Una ragiò dinù hè chì u codice deve esse tuttu paru : si decide di scrive vechju o vecchju o vecchiu o betju è si usa a forma scelta da principiu à a fine : truvemu, sempre in listessa edizione : ùnn’ è un…

In fin di conti, st’ortograffìa chì ci hè parsa esitante è marcata in u tempu l’avemu vulsuta omogeizà è falla cumbasgià megliu cun quella oghjinca, ma, è si pò leghje in a nostra avertenza, avemu cunservatu ciò chì più capiscitoghju, face u suchju di Dalzeto. Bella sigura, u nostru scopu ùn era mancu sterpa di mette à u passu un’òpara di stu livellu. D’altronde, e Note di i «currettori» di a presente edizione spièganu bè a nostra scelta edituriale (p. 10)

– In a nota di presentazione di u Consigliu di i Savii, sò mintuvate e scelte fatte pè st’adattazione. Hè statu difficiule di truvà l’equilibriu trà rispettu di l’opera uriginale è ortografia attuale? Certi punti sò stati suggetti à dibattitu trà di voi?

Per ùn truvacci micca cun 4 parti di u libru a càrica di ognunu di i 4 «currettori», m’era prupostu eo per tene un equilibriu paru, di «currege» tuttu eo è di di mandà un pezzu dopu à l’altru u mo travagliu à l’altri trè. Per ciò avia redattu cosa’elle sò diventate dopu e Note di i currettori. Era un ducumentu ad usum internum per noialtri è chì ghjuvava di lege di riferimentu. Un hè chè à l’ùltimu chì Ghjàcumu Thiers m’hà dumandatu di fallu apparì ind’è l’edizione definitiva stampata. E discussione più serrate l’aghju avute cù a mo surella Ghjermana chì s’hè lasciata cunverte. Mi pare chì i punti di discussione tucchèssinu ùnn, hanu, i bastièsimi (ind’i, sott’i, à ch’è…) ma a mente sminticheghja!

Da leghje ancu : U Mo Petru Cirneu di Ghjacumu Fusina

Ma possu dì chì ùn ci hè statu tira è molla è l’affare hè andatu piuttostu lisciu.

U mitu di una sola lingua parlata

-Ghjacumu Thiers ci presenta, frà altri, un interessu ducumentariu di u rumanzu di u puntu di vista di a storia di a sucetà corsa. Pè ciò chì cuncerna u parlatu bastiese, si ritrova di listessa manera st’interessu quasi storicu?

È listessa dumanda pè i varii lochi di a cità prisenti ind’u rumanzu.

U parlatu bastiese. Per mè, diceraghju ancu per noi, hè un elementu di primura di u rumanzu. Ancu s’elle ci sò l’infrasate chì ùn sò micca sciùbliche di Bastia. A dice Dalzeto è a scrive in fin di rumanzu : parlatu di a Marana.

In stu ducumentu riccu di e so infurmazioni stòriche, sucietale, linguìstiche, suciale, ognunu pò truvà tante risposte à e so dumande. Si pò rimarcà chì à u presidente Morfini e rinvindarole li pàrlanu in terza persona cum’è in talianu cù u Lei. Stu fattu ci dà dunque un’indicazione preziosa nant’à u modu di parlà cù a ghjente. Lingua, modu di parlà, tonu di voce…ùn sò micca listessu segondu cun quale si parla : u mitu di una sola lingua parlata listessa da tutti si ne casca. Avemu dinù un’infurmazione nant’à l’impiazzamentu di e rivindarole nant’u Mercà segonda a so orìgine paisana : e Villese quì, e Furianacce quallà è tira avant è passa. I piscadori sò spessu strangeri, taliani di Livornu o Napulitani ciò chì cunferma a scarsa passione di i Corsi per u mare, s’ellu s’eccèttanu Capicursini. Si ritrova l’imàghjine di u Corsu pastore più chè marinare è u disprezzu per ciò chì riguarda u mare è tuttu ciò chì gira intornu à ellu senza cuntà a paura ch’ellu incutìa à a ghjente.

Da un puntu di vista di a religione, si rimarca chè à lèpica di a storia ripurtata da u rumanzu, l’antica catedrale Santa Maria hà persu a so impurtanza à prufittu di San Ghjuvà, chjamatu fin’à pocu tempu fà San Ghjuvannone da u cleru è forse da qualchì praticante abituatu.

Ci hè l’usu cascatu in disusu, oghje, di discutà i prezzi, tantu o Mercà chè ind’i magazini. I prezzi ùn èranu micca stabiliti è c’era sempre sta pussibilità di discutallu.

Vous pouvez également aimer :

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *